Prima colazione: è meglio il tè o il caffè?

La risposta è simile alla fede calcistica: ciascuno ha la propria e per lo più non è disposto a cambiare. Ma che dice la scienza?

C’è chi dichiara di non essere disposto neppure a dire buongiorno senza aver prima sorbito almeno un paio di tazze di caffè. Ribatte, con altrettanta convinzione chi ha bisogno di una teiera fumante per sentirsi in grado di affrontare il mondo e che un bel tè è il rimedio che cura ogni disagio. Si tratta di due schieramenti compatti e convinti, poco disposti a rivedere le proprie posizioni. E’ una semplice questione di gusti o una delle due bevande è effettivamente più corroborante e più salutare dell’altra? Al di là di gusti e preferenze personali, sui quali non si discute, entrambi hanno proprietà utili e qualche svantaggio: vediamo quali sono.

IL CAFFE’ – La polvere che adoperiamo per preparare la nostra tazzina si ricava dalla macinazione dei semi di alcune varietà di piante tropicali appartenenti al genere Coffea, parte della famiglia botanica delle Rubiacee. Le varietà sono moltissime, circa 100, alcune delle quali possono raggiungere la dimensione di piccoli alberi. Secondo alcuni, la parola “caffè” discende dal termine arabo “qahwa” (eccitante) poi trasformatasi nella lingua turca in “khave”, fino a giungere a noi in Europa. Secondo un’altra teoria deriverebbe dal nome della città etiope Caffa in Etiopia: in questa zona infatti il caffè cresceva spontaneamente.

Fa Bene – Come è noto, il caffè ha un effetto eccitante che ci trasmette una scossa di immediata energia e che ci rende anche più resistenti alla fatica fisica, come ben sanno, ad esempio, gli atleti ciclisti. Una tazza di espresso contiene numerose sostanze benefiche, tra cui potassio, calcio, magnesio, fosfati, solfati, oltre a vitamine e polifenoli, Il consumo di quantità moderate di caffè (fino a quattro tazzine al giorno circa), aiuta a prevenire alcune forme tumorali, in particolare al fegato del quale si riduce il rischio del 4%, e, come ha dimostrato una ricerca pubblicata dall’Institute for Scientific Information on Coffee (ISIC), riduce del 25% la probabilità di contrarre il diabete di tipo 2. La caffeina, la sostanza eccitante contenuta nella classica tazzina, ha una riconosciuta efficacia nel combattere la cellulite, tanto che questa sostanza viene spesso adoperata in linee di cosmetici contro la pelle a buccia d’arancia: associata a un buon massaggio la caffeina aiuta a drenare e rimuovere i liquidi stagnanti, a stimolare il metabolismo dei grassi e ad attaccare i depositi di tessuto adiposo localizzato.
Fa Bene – Come è noto, il caffè ha un effetto eccitante che ci trasmette una scossa di immediata energia e che ci rende anche più resistenti alla fatica fisica, come ben sanno, ad esempio, gli atleti ciclisti. Una tazza di espresso contiene numerose sostanze benefiche, tra cui potassio, calcio, magnesio, fosfati, solfati, oltre a vitamine e polifenoli, Il consumo di quantità moderate di caffè (fino a quattro tazzine al giorno circa), aiuta a prevenire alcune forme tumorali, in particolare al fegato del quale si riduce il rischio del 4%, e, come ha dimostrato una ricerca pubblicata dall’Institute for Scientific Information on Coffee (ISIC), riduce del 25% la probabilità di contrarre il diabete di tipo 2. La caffeina, la sostanza eccitante contenuta nella classica tazzina, ha una riconosciuta efficacia nel combattere la cellulite, tanto che questa sostanza viene spesso adoperata in linee di cosmetici contro la pelle a buccia d’arancia: associata a un buon massaggio la caffeina aiuta a drenare e rimuovere i liquidi stagnanti, a stimolare il metabolismo dei grassi e ad attaccare i depositi di tessuto adiposo localizzato.

Fa Male – Anche con il tè l’importante è non esagerare, ma il quantitativo “limite” è molto più elevato rispetto al caffè e arriva a otto-dieci tazze al giorno. Il tè è diuretico, e questo fa bene, ma anche astringente: per qualcuno può essere un aiuto, ma serve moderazione a chi soffre di stitichezza. Qualche cautela è richiesta anche a chi è anemico: i tannini contenuti nella bevanda possono interferire con il corretto assorbimento del ferro da fonti vegetali: meglio quindi assumerlo lontano dai pasti.

Insomma, le due bevande hanno molte virtù e qualche contrindicazione. Possiamo davvero scegliere secondo il nostro gusto, mettendo in atto, tutt’al più, qualche oculata contromisura.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close