Pescara, un uomo è morto dopo una lite per questioni di viabilità: rintracciato lʼaggressore 19enne

Il ragazzo è stato fermato dai carabinieri e portato in caserma. Ancora da accertare le cause del decesso della vittima che è crollata per terra prima di risalire sullʼauto

Un uomo di 56 anni, Tiziano Paolucci, è morto dopo una lite scoppiata per una questione di viabilità, a Pescara. I carabinieri hanno rintracciato l’aggressore 19enne che era fuggito a bordo di un Suv di colore chiaro. Sul luogo dell’incidente erano intervenuti gli uomini del 118, ma per la vittima non c’era più nulla da fare. La Procura ha aperto un’inchiesta per omicidio preterintenzionale.

La dinamica – Secondo una prima ricostruzione, la vittima, che era in machina con la moglie e la figlia, lungo via della Pineta, ha suonato il clacson quando il 19enne a bordo di un Suv nel fare retromarcia lo stava per urtare. Il ragazzo è sceso dalla vettura, poi lo ha seguito il 56enne: tra i due prima ci sarebbe stata una discussione, poi si sarebbe arrivati alle mani; finché non sono stati divisi da alcuni passanti. Il 56enne è quindi ritornato verso la macchina, ma dopo pochi metri è caduto a terra ed è morto sul colpo.

Da accertare le cause del decesso – Il corpo dell’uomo presenta una ferita lacerocontusa alla testa. Il cadavere è stato trasportato in obitorio: l’autopsia chiarirà se all’origine del decesso ci sia un malore cardiaco o se sia stata proprio la caduta a provocarne la morte. Presente anche il pm Marina Tommolini. La prima ispezione medico legale è stata eseguita da Maria Teresa Viscione della Asl.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close