Duro, il cane salvato nei rifiuti, non ce lʼha fatta: è morto dopo due giorni di agonia

Era stato ritrovato in un sacco giallo disidratato e pieno di insetti. A nulla è servito lʼintervento immediato dei veterinari

Duro, un cane meticcio e molto anziano, era stato ritrovato in un sacco giallo dell’immondizia vicino alla stazione ferroviaria di Rovasenda, nel Vercellese. Pieno d’insetti e disidratato è stato subito preso in cura dai veterinari e dall’Associazione Quattro Zampe nel Cuore che hanno subito pensato di chiamarlo Duro per la sua forza e tenacia, ma purtroppo il cane non è riuscito a sopravvivere.

Duro era stato ritrovato da alcuni operai che avevano notato movimenti sospetti tra i sacchi di materiale edile. L’animale era stato abbandonato proprio tra i rifiuti dei cantieri.  

“E’ una magra consolazione sapere che non si sia addormentato da solo – hanno scritto su Facebook i volontari di Quattro Zampe nel Cuore –  Non è morto in un sacco, ma è comunque morto a causa dell’incuria dell’essere umano che ha avuto la sfortuna di trovare, è comunque morto con quel sacco”. 

L’anziano cane era anemico e con problemi neurologici. Ora si cercano gli autori di questo terribile abbandono. “Non ci saranno indagini per lui – sottolineano i volontari – è un’altra vittima di questo mondo sempre più squallido”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close